SMOG. LEGA NORD: TANTO FUMO E NIENTE ARROSTO

Torino, 28 febbraio 2017

img_6595

“Si continua, purtroppo, ad attribuire la colpa di tutto ai cittadini, in questo caso agli automobilisti, ma sappiamo bene che non è il traffico la principale causa dell’inquinamento”: così Gianna Gancia, presidente del gruppo regionale della Lega Nord, durante il dibattito sulla qualità dell’aria, avvenuto questa mattina in aula.

“I provvedimenti assunti finora dalla Regione – prosegue Gancia, che sull’argomento ha presentato anche un question time – sono serviti soltanto a fare cassa, senza tenere in considerazione l’ambiente. Si pensi, ad esempio, alla penalizzazione dei motori a Gpl, sacrificati in nome del profitto”.

“Ribadiamo – sottolinea Gancia – la necessità di investire le risorse per interventi strutturali, e non di facciata, sul territorio. Accanirsi sulle auto per poi revocare i blocchi per evitare le proteste, come ha fatto il Comune di Torino, non serve a nulla”.

“Le misure più invasive – conclude Alessandro Benvenuto, consigliere regionale del Carroccio – continuano a concentrarsi solo su uno dei tre fattori responsabili dell’inquinamento, il traffico, toccando poco o nulla riscaldamento ed emissioni industriali. Il blocco della circolazione, oltretutto, non incide in modo significativo sull’inquinamento perché non porta i cittadini a modificare le proprie abitudini. Prima di bloccare le vecchie automobili, appartenenti alle fasce più povere, si pensi a migliorare l’offerta complessiva del trasporto pubblico”.