SANITA’. BENVENUTO (LEGA NORD): INTERROGAZIONE SU GESTIONE POSTI LETTO ONCOLOGIA DELL’OSPEDALE S. ANDREA DI VERCELLI

Torino, 18 novembre 2016

img_6392
“La struttura di Oncologia del S. Andrea di Vercelli disponeva di dodici posto letto. In seguito alla razionalizzazione delle spese prescritta della DGR 600 e sue successive integrazioni, al momento, permane però per i malati oncologici solo la possibilità di essere ricoverati in letti di altri reparti, in base all’organo o apparato principalmente colpito dalla patologia, secondo il modello conosciuto come “oncologia senza letti”. Dalla giunta vorremmo sapere se vi siano, e quali siano, i progetti di integrazione amministrativa e sanitaria utili ad implementare il nuovo modello organizzativo senza che questo arrechi danno ai malati e pregiudizio alle loro cure”: così Alessandro Benvenuto, consigliere regionale della Lega Nord, in un’interrogazione all’assessore Saitta.

“Vorremmo, inoltre, conoscere – aggiunge Benvenuto – l’interpretazione dell’assessorato in merito alla gestione odierna del letto per quanto riguarda il malato oncologico: quando il paziente viene ricoverato in letti ad esempio di medicina interna, chi è lo specialista prevalente che deve occuparsene?”.

“Spesso, infatti – sottolinea il consigliere leghista -, quando un paziente viene ricoverato in un altro reparto, lo specialista oncologo, non potendo gestire direttamente il letto, deve aspettare di essere convocato come consulente. Il paziente oncologico, inoltre, ha comunque delle necessità diverse rispetto al malato medio ospedaliero”.

“Il modello di “oncologia senza letti” – conclude Benvenuto -, alla luce dei fatti, sembra quantomeno immaturo per la realtà sanitaria a bassa densità di strutture del vercellese e non adatto al contesto esistente”.