QUOTE LATTE. BENVENUTO (LEGA NORD): COSA INTENDE FARE LA REGIONE PER TUTELARE AZIENDE AGRICOLE?

“Le aziende agricole soggette ad ingiunzioni di pagamento in relazione alle cosiddette ‘quote latte’ potrebbero veder riconosciute come incongrue, dalla magistratura, le somme loro contestate. Questo perché due ordinanze, una del Gip di Roma e una del TAR della Lombardia, hanno messo in discussione la regolarità dei metodi con i quali i funzionari ministeriali AGEA hanno eseguito gli accertamenti relativi al superamento della quota nazionale e per i quali, ora, gli stessi funzionari rischiano l’iscrizione nel registro degli indagati per reato di falsità ideologica”: così Alessandro Benvenuto, consigliere regionale della Lega Nord, anticipa l’oggetto di un’interrogazione presentata alla giunta piemontese.

“Al nostro Paese  – aggiunge il consigliere leghista – è già stata attribuita, nel corso dei negoziati europei di trent’anni fa, una quota di produzione latteo-casearia ben inferiore alla reale produzione nazionale e ciò ha avuto e ha tuttora effetti devastanti sulla nostra agricoltura. A questo si aggiungono gli errori nella valutazione del superamento dei limiti imposti, che può tradursi in multe ingiuste o eccessive a carico delle aziende agricole”.

“Come intende muoversi la Regione – chiede in conclusione Benvenuto –  per tutelare le aziende agricole che si trovano in questa spiacevole situazione?”