PROSTITUZIONE. LEGA NORD: CANCELLARE LEGGE MERLIN E’ SEGNO DI CIVILTA’

Torino, 19 giugno 2015

image

“La Lega Nord sta raccogliendo le firme per ripresentare il referendum per l’abrogazione della legge Merlin. Solo cancellando una legge che ha favorito l’illegalità, ed arrivando quindi a regolamentare e tassare la prostituzione, potremo ripulire le nostre strade. L’iniziativa è partita oltre un mese fa e abbiamo un ottimo riscontro dal punto di vista numerico sia dai nostri gazebo, sia dai Comuni. La previsione è di poter contribuire, dalla provincia di Torino, con almeno quindicimila firme”: così Alessandro Benvenuto, consigliere regionale e segretario provinciale della Lega Nord torinese, durante la conferenza stampa di questa mattina in Comune a Torino.

“Questa iniziativa – aggiunge Fabrizio Ricca, capogruppo leghista in Sala Rossa – potrebbe davvero contribuire a cambiare il volto delle nostre città, eliminando dalle strade parte del degrado oggi presente. Coinvolgeremo i cittadini in modo diretto, andando nelle zone più colpite dal fenomeno, e faremo firmare chi è stufo di avere prostitute sotto casa ad ogni ora del giorno e della notte”.

“Torino – sottolinea Roberto Carbonero, consigliere comunale del Carroccio – è una città nella quale l’illegalità dilaga. L’amministrazione comunale non reagisce di fronte ai problemi, ma la Lega Nord sì, e la gente perbene è con noi”.

“La legge Merlin – rimarca il deputato Stefano Allasia – non ha risolto il problema, anzi, l’ha creato. Negli ultimi anni, il fenomeno è poi aumentato in modo esponenziale, a causa del combinato disposto tra immigrazione clandestina e malavita organizzata. Il nostro intento è quello di sensibilizzare la gente per arrivare a determinare un’azione della politica. Oggi, abbiamo un governo che non fa nulla per risolvere i problemi dei propri cittadini”.

“Da lunedì prossimo – ribadisce in conclusione Allasia-, andremo a raccogliere le firme casa per casa e daremo alla gente esasperata dalla situazione la possibilità di esprimersi. Governo, regione e amministrazioni di sinistra non si muovono, lo fa la Lega”.