PIEMONTE. LEGA NORD: PRESENTATA INTERROGAZIONE SU SITUAZIONE RISARCIMENTO DANNI ALLUVIONE

Torino, 17 gennaio 2017

 

Foto LaPresse - Marco Alpozzi 25 11 2016 Torino ( Italia) Cronaca  Emergenza Maltempo in Piemonte - I battelli fluviali Valentino e Valentina, si sono schiantati contro il ponte della GranMadre  Nella foto: Il po a Torino ai Murazzi  Photo LaPresse - Marco Alpozzi November 25, 2016 Torino ( Italy) News Emergency Bad weather in Piemonte - Ferry boats crash on GranMadre Bridge  In the pic: Po River
“La Giunta ci dica se si è già attivata per richiedere al Governo l’estensione dello stato di emergenza a tutte le zone del Piemonte colpite dall’alluvione del 24 e 25 novembre scorsi e se ha già provveduto a stilare linee guida e graduatoria degli interventi di ripristino, attuabili con i fondi messi a disposizione dal Consiglio dei ministri. Inoltre, ci aggiorni su come intenderà far fronte alla totalità dei danni, attualmente stimati in 814 milioni di euro”: così il capogruppo della Lega Nord in Regione, Gianna Gancia, e il consigliere regionale del Carroccio, Alessandro Benvenuto, in un’interrogazione alla Giunta.

 

“Ricordiamo – sottolineano i due leghisti – che il Consiglio dei ministri, lo scorso 16 dicembre, dichiarando lo stato di emergenza, ha stanziato 51 milioni di euro per la Città Metropolitana di Torino e la Provincia di Cuneo, ma le cifre individuate dall’assessorato sono di gran lunga più alte e riguardano quasi tutto il territorio piemontese. Gli uffici regionali hanno, infatti, stimato, per l’intero Piemonte, danni quantificabili in 317 milioni di euro per gli interventi di somma urgenza e urgenza e 497 milioni per il ripristino delle infrastrutture pubbliche danneggiate dall’ondata alluvionale”.

 

“Anche considerando gli ulteriori 10 milioni individuati dalla Regione nell’assestamento di bilancio – concludono Gancia e Benvenuto – , pare più che evidente che i fondi finora racimolati non potranno che coprire una parte molto modesta dei danni. Restiamo in attesa di capire come la Giunta Chiamparino intenda procedere per garantire ai Piemontesi il giusto risarcimento”.