PIEMONTE. BENVENUTO (LEGA NORD): PRESENTATA PDL PER REGOLAMENTARE E TASSARE PROSTITUZIONE A LIVELLO REGIONALE

Torino, 29 luglio 2015

agne-prostitute-per-strada-ok-piccola

 

 

 

 

“La prostituzione, che nel nostro Paese non è soggetta ad alcun divieto o proibizione, c’è sempre stata e sempre ci sarà e vale, ogni anno, 5 miliardi di euro. In assenza di una normativa a livello nazionale, la nostra proposta è quella regolamentare il fenomeno a livello regionale”: così Alessandro Benvenuto, consigliere regionale della Lega Nord, primo firmatario della proposta di legge del Carroccio che mira a tassare la prostituzione, depositata qualche giorno fa in Regione.

 

“Sull’onda di quanto già presentato dalla Lega in altre Regioni – spiega Benvenuto -, la nostra proposta di legge vuole fare in modo che le prostitute abbiano l’obbligo di iscriversi ad un apposito registro regionale, ottengano assistenza sanitaria e trattamenti previdenziali e, aspetto ancora più importante, debbano versare un’aliquota del 27% per redditi fino a 28.000 euro l’anno e del 40% per proventi superiori”.

 

“Riuscire a tassare la prostituzione – conclude il consigliere leghista -, almeno a livello regionale, significherebbe avere a disposizione risorse ingenti, che potrebbero essere investite nel sociale e a favore delle fasce più deboli o in difficoltà. Si tratta di una proposta basata sul buon senso e che non ammette ipocrisia: la regolamentazione della prostituzione, oltre a tradursi in maggiori entrate per la Regione, abbatterà fenomeni come racket e clandestinità, oggi strettamente collegati ad essa proprio a causa del vuoto normativo”.