Maiale Day

Il Movimento Giovani Padani scende in piazza per manifestare contro chi difende i terroristi, contro chi vuole le moschee abusive e contro chi vuole una Torino islamizzata! Questi i motivi che hanno indotto i Giovani Padani ad organizzare questo pomeriggio (ore 16) sotto il Comune del capoluogo subalpino (Piazza Palazzo di Città) il “Maiale Day”. Non è possibile – spiega Alessandro Benvenuto coordinatore provinciale dei Giovani Padani Torinesi – che questa amministrazione comunale non prenda nessuna posizione in merito alle situazioni di degrado derivanti da questa incontrollata immigrazione clandestina e rimane sorda al grido dei cittadini in rivolta. I Giovani Padani offriranno panini con la porchetta proprio per far capire che le tradizioni vanno rispettate. Non vogliamo vedere – commenta Benvenuto – che nelle mense scolastiche venga tolta la carne di maiale perché alcuni ragazzi di altre religioni non possono mangiarla, quando si parla di integrazione, vuol dire che bisogna “integrarsi” alle culture e tradizioni del luogo dove si vive. Ci chiediamo – afferma Davide Cavallotto coordinatore nazionale dei Giovani Padani – se questo sindaco si rende conto della situazione che vive la città oramai in mano a bande che si contendono lo spaccio di droga, rapinano e delinquono. La maggior parte di questi reati – chiosa Cavallotto – vengono commessi da extracomunitari, quasi tutti clandestini. Inoltre gli extracomunitari di religione islamica – aggiunge Cavallotto – pretendono luoghi di culto dove si professa la cultura della morte, mentre i cristiani in questi paesi vengono perseguitati facendo così mancare il basilare diritto alla reciprocità. I demeriti non vanno tutti al sindaco Chiamparino ma vanno anche ai suoi compagni di partito – conclude Benvenuto – che tra un colpo di fiducia e la grazia di qualche senatore a vita mantengono questo esecutivo sempre più traballante rendendolo così sempre più lontano dalla gente del Nord.