LAVORO. LEGA NORD: GOVERNO E REGIONE NON DIMENTICHINO LAVORATORI SAVIO

Torino, 6 settembre 2017

savio

 

“La crisi in cui sono piombati i lavoratori della Savio è ormai nota a tutti, ma ciò che non conosciamo a fondo sono stato ed efficacia delle azioni intraprese dalle istituzioni per scongiurare la riduzione del personale. Proprio per questa ragione, chiedo alla giunta regionale un aggiornamento su quanto fatto e sui risultati ottenuti finora nel tentativo di bloccare i licenziamenti”: così Alessandro Benvenuto, consigliere regionale della Lega Nord, primo firmatario di un’interrogazione sull’azienda di Chiusa San Michele.

 

“La ditta – sottolinea Benvenuto -, specializzata in serramenti in alluminio, ha chiuso il bilancio 2015 con un attivo di 2,5 milioni di euro. Si sta dunque parlando di un’azienda che non ha subito gli effetti della crisi economica, ma che, nonostante questo, ha comunque avviato le procedure di licenziamento per 56 dei suoi 299 dipendenti”.

 

Anche il deputato leghista Stefano Allasia si è fatto carico della questione e ha presentato sull’argomento due interrogazioni alla camera.

 

“Sono trascorsi ormai alcuni mesi dalle nostre prime richieste – dichiara l’onorevole Allasia -, ma il governo continua a latitare. Non prendere provvedimenti per salvaguardare la Savio oggi significa non solo lasciare i lavoratori in balìa degli eventi, ma anche accettare, e in qualche modo addirittura favorire, l’impoverimento di tutto il nostro tessuto sia sociale che economico”.

 

“Ciò che chiediamo a governo e regione  – concludono i due leghisti – è un intervento deciso che metta fine allo stillicidio delle nostre imprese, sempre più spesso acquistate da società estere che poi delocalizzano, lasciando sul territorio capannoni vuoti e disoccupazione. Gli strumenti legislativi per procedere ci sono, aspettiamo solo che vengano applicati”.