IMMIGRAZIONE. LEGA NORD: IL PIEMONTE HA GIA’ DATO, SI CHIUDA IL SISTEMA ACCOGLIENZA

“In fatto di accoglienza, il Piemonte ha già ampiamente dato. I numeri sono impressionanti e ci si deve rendere conto che il buonismo a tutti i costi non è d’aiuto alla nostra regione, che di per sé vive già una crisi economica allarmante”: così il deputato, Stefano Allasia, e il consigliere regionale, Alessandro Benvenuto, della Lega Nord intervengono nel botta e risposta tra Viminale e assessorato all’Immigrazione sulla questione legata all’accoglienza degli immigrati nel territorio regionale.

“Prima Mare Nostrum e ora Triton  – spiega Allasia – non hanno fermato né gli sbarchi, né le tragedie in mare aperto. L’accoglienza indiscriminata, tanto voluta dalla sinistra, quindi, non è una soluzione, anzi, non fa che aggravare una situazione già molto preoccupante”.

“Il Piemonte – proseguono i due leghisti – non ha certo bisogno di continuare a riempire le proprie strade di clandestini e delinquenti, che, comunque, oltre a mettere a rischio la sicurezza dei Piemontesi, sono anche un costo non irrilevante per la società. Ciò che serve alla nostra regione è attrarre lavoro e tutelare aziende e lavoratori, gli assessori regionali lavorino in questo senso, senza occuparsi di inutili propagande a favore degli immigrati”.

“Sullo spinoso tema della gestione dei profughi – conclude Benvenuto -, affidata ad associazioni terze che operano sul territorio senza alcun particolare controllo da parte delle istituzioni,  avevo chiesto delucidazioni all’assessore Cerutti più di tre mesi fa, ma ad oggi non ho ricevuto alcuna risposta. Continueremo ad esigere dati certi e controlli approfonditi che permettano di monitorare la situazione, fermo restando che per la Lega Nord il sistema di accoglienza in Piemonte andrebbe azzerato immediatamente”.