FORMAZIONE. BENVENUTO E MOSCA (LEGA NORD): REGIONE NON PERMETTA INDENNITA’ DI FREQUENZA CORSI SOLO A DISOCCUPATI STRANIERI

Torino, 21 settembre 2016

slide-disoccuati

 

“La Regione azzeri disparità e disuguaglianze per quanto riguarda l’assegnazione dei Fondi Strutturali Europei 2014-2020, utili a promuovere il finanziamento di corsi di formazione rivolti ai disoccupati”: a chiederlo attraverso un’interpellanza è il consigliere regionale della Lega Nord, Alessandro Benvenuto.

 

“Un intervento della Regione in tal senso si rende necessario perché l’ente ‘Città Studi Biella’ – spiega Benvenuto – ha istituito per l’anno 2016-2017 numerosi corsi di formazione professionale che toccano diversi settori, ma soltanto uno di essi, riservato esclusivamente agli stranieri, prevede un’indennità di frequenza. In buona sostanza, a Biella gli immigrati che frequenteranno almeno i 2/3 del corso di ‘Addetto vendite’ dovrebbero essere i soli a ricevere un rimborso di 400 euro”.

 

“Già nel 2009 – interviene Michele Mosca, segretario provinciale della Lega Nord di Biella – si era tentato di introdurre un’indennità di frequenza pari a due euro l’ora per i corsi gratuiti destinati agli stranieri, ma allora, in qualità di assessore alla Formazione professionale della Provincia, riuscii ad eliminare quella che si presentava solo come un’ingiustizia assurda. Una chiara discriminazione al contrario che si ripresenta oggi e assume i connotati di una scelta politica ben precisa che vuole privilegiare solo e sempre chi non è italiano”.

 

“Partendo dal presupposto che i disoccupati che vivono in Piemonte dovrebbero essere trattati tutti allo stesso modo, e tenendo in considerazione il fatto che la Regione non ha ancora ufficializzato i finanziamenti per i corsi in questione – concludono i due leghisti -, chiediamo che non vengano portate avanti disparità di questo genere. Se la Regione deciderà di confermare l’aiuto economico soltanto ai disoccupati stranieri, avremo l’amara conferma che per il Partito Democratico i cittadini piemontesi sono l’ultima ruota del carro”.