DISOCCUPAZIONE GIOVANILE. LEGA NORD: A TORINO RECORD NEGATIVO, LA SINISTRA HA DIMENTICATO I GIOVANI

“Non è affatto confortante la notizia secondo la quale a Torino un giovane su due non studia, né lavora. Un tasso di disoccupazione giovanile che sfiora il 50%, in una Città che vuole continuare a definirsi ‘industriale’ ed essere competitiva, è a dir poco allarmante”: così Alessandro Sciretti, coordinatore provinciale dei Giovani Padani torinesi, e Alessandro Benvenuto, consigliere regionale del Carroccio, commentano i dati sulla disoccupazione dei ragazzi torinesi tra

i 15 ed i 24 anni.

“Un record negativo – sottolinea Sciretti -, da attribuire ad una sinistra, proprio quella che amministra Torino, che per i giovani non fa nulla, ma che non perde occasione per esaltare realtà imprenditoriali che ai ragazzi offrono solo turni di lavoro impossibili e paghe da fame, senza alcuna sicurezza o prospettiva per il futuro. Una sinistra che a parole si dice dalla parte dei giovani e dei lavoratori, ma che si contraddice nei fatti”.