AEROPORTO CASELLE. ALLASIA (LNP): “Per il rilancio intervengano anche altri partners, non solo la Regione”

“Condivido le dichiarazioni di Merlo sulla necessità di rilancio dello scalo torinese, ma si dovrebbe smettere di invocare ogni due per tre l’intervento della Regione, che, in questo caso, non è parte in causa”: così l’on. Stefano Allasia, deputato torinese della Lega Nord, in risposta al collega del Pd, che chiede alla Regione di farsi sentire a proposito della trattativa in corso tra lo scalo torinese di Caselle e Ryanair per la realizzazione di una base low cost a Torino.

“Devo ricordare a Merlo – precisa Allasia- che la Sagat S.p.A., società che gestisce tutta l’area aeroportuale, è gestita per il 75% dal Comune di Torino, da Sintonia, azienda della famiglia Benetton, e da Banca Intesa. La Regione Piemonte ne detiene solo l’8%. Quindi, invece di chiamare in causa la Regione, l’on. Merlo, del Pd, dovrebbe rivolgersi direttamente ai propri compagni di partito,  come Fassino o Benetton, e magari anche al ministro Passera, ex ad di Banca Intesa, dato che lo scorso dicembre ha dato la fiducia a lui ed al governo Monti”.

“La Regione ha già messo in campo molte risorse per il rilancio del Piemonte- conclude Allasia-, e molte altre ne metterà. Un governo come quello di Monti, però, certo non aiuta, perché, oltre a tassare i cittadini che faticano già ora ad arrivare a fine mese, taglia oltre misura i trasferimenti agli Enti Locali”.